L’associazione

In data 30 Gennaio 2015, a richiesta dei Soci Fondatori:
Galli mons. Carlo,
Crespi Luigi Giorgio,
Crespi Marcella,
Clementi Saverio,
Di Falco Luca,
Fiorista Maria Teresa,
Langé Gisella,
Radice Giuseppe,
Riganti Carlo,
davanti al Notaio Miriam Mezzanzanica, notaio in Legnano – presso il suo studio di via S. Domenico 1, è stata costituita la

 “ASSOCIAZIONE PADRE CARLO CRESPI ONLUS” (Codice Fiscale: 92049470153).

Ai sensi dell’Art. 3 dello Statuto, “l’Associazione ha per oggetto principalmente l’attività di cooperazione in favore delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo, ispirandosi ai principi della Chiesa Cattolica e alle iniziative intraprese dalla Società di San Francesco di Sales (Salesiani) dell’Ecuador e in particolare dell’Ispettoria di Cuenca, con l’obiettivo di diffondere una mentalità aperta e disponibile verso altri popoli e altre culture, nonché di contribuire alla crescita umana e spirituale di ogni individuo, al di là di ogni differenza di razza, cultura, religione, condizione sociale e capacità personale. In particolare l’Associazione opera prevalentemente nei settori dell’assistenza sociale e socio-sanitaria, della beneficienza e della formazione, a favore di persone svantaggiate, in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali e familiari, nonché dei componenti di collettività estere, attraverso l’erogazione di aiuti umanitari.

Nella sua azione l’Associazione trova la propria ispirazione e il proprio riferimento nel Servo di Dio Padre Carlo Crespi, originario di Legnano, sacerdote missionario, che nel 1923 partì per l’Ecuador e per quasi 60 anni si spese per l’elevazione umana, sociale e spirituale di quelle popolazioni, in particolare dei poveri, ed è morto a Cuenca il 30 aprile 1982.

A tal fine, l’Associazione svolge le seguenti attività:

– la promozione e realizzazione di programmi di cooperazione allo sviluppo basati sull’erogazione di aiuti alimentari e sanitari a favore delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo e, in particolar modo, dell’Ecuador;

– la promozione di forme di raccolta fondi, finalizzate all’”adozione a distanza”, per garantire ai bambini e ragazzi bisognosi nei paesi in via di sviluppo e, in particolar modo in Ecuador, l’accesso ad ogni grado di istruzione scolastica ed al mercato del lavoro;

– l’attività di favorire la promozione sociale delle famiglie indigenti dei paesi in via di sviluppo e, in particolar modo, dell’Ecuador, attraverso l’erogazione a questi soggetti di somme provenienti sia dalla propria gestione patrimoniale, sia da donazioni appositamente raccolte;

– la promozione e lo sviluppo di una maggior consapevolezza da parte dell’opinione pubblica circa i bisogni e le condizioni delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo, anche attraverso l’organizzazione di dibattiti, studi, convegni, conferenze, da svolgere in via connessa, quali attività strumentali;

– la collaborazione con l’Ispettoria Salesiana dell’Ecuador e con il Politecnico Salesiano di Cuenca, nel perseguimento delle finalità di cui sopra e, in generale, con strutture associative, Istituzioni ed enti che perseguano finalità analoghe in Ecuador o nei paesi in via di sviluppo in cui l’Associazione dovesse operare.

L’Associazione opererà in maniera specifica con prestazioni di volontariato attivo e diretto; potranno altresì essere organizzati corsi di formazione ed aggiornamento destinati esclusivamente ai volontari e agli operatori del settore che agiscono all’interno dell’Associazione.

Per il conseguimento dei propri scopi, l’Associazione potrà anche promuovere occasionalmente raccolte pubbliche di fondi.

L’Associazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate, ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse o di quelle accessorie per natura a quelle statutarie , in quanto integrative delle stesse, e, comunque, in via non prevalente”.

 

Condividi